Io scelgo la Verità dell'Essere

Io scelgo la Verità dell’ Essere

Ho sempre avuto un animo che, all’apparenza, si mostra in pace e tranquillità, che sembra forte e determinato, mostrando un modo di Essere che non mi rappresenta proprio del tutto.

Fin da piccola, quando ancora avrei dovuto solo occuparmi di giocare, andare a scuola e vivere la mia infanzia spensierata, sviluppai la necessità ed il desiderio di far sentire gli altri “ok”, perché stessero bene e sorridessero, magari dopo qualche mio gioco o parola sciocca o sorpresa.

 

Ricordo quanto felice ero di vedere i miei famigliari stare meglio o ridere.

 

Così come ricordo quando invece, nei miei momenti solitari, a volte frugavo nella mia fantasia per trovare un modo per essere felice io, con gli amici che avevo a disposizione: le mie querce, i miei gatti, il vento (oh quanto adoravo giocare nel vento e giocare a rincorrerci coi miei amici pelosi, che sentivo matti come me. Forse sognavo di essere portata via verso altri luoghi, portata via dalla malinconia o dalla tristezza che mi copriva sempre gli occhi con un velo…).

 

Fin da piccola ho sviluppato la capacità di mostrare una Ester che fosse sorridente e felice e serena, ottimista fino al midollo e senza paure.

Sono stata così brava che ho mantenuto viva la mia abilità fino all’età adulta, finché il mondo di emozioni che tenevo chiuso dentro di me non ha sfondato la porta d’oro dietro la quale era chiuso ed è venuto fuori con tutta la sua forza e la sua incontrollabile disperazione.

 

Ho pianto, ho vissuto momenti di disperazione pura, di solitudine, di malinconia.

E non posso negare che ogni tanto tutto questo non emerga ancora in qualche angolo della mia vita.

Sono guarita finalmente da quel mondo fantasioso in cui Ester doveva essere sempre perfetta? In cui Ester provava con tutta sé stessa ad esserlo?

Sicuramente sono più vera, più me stessa.

Dicono che andando avanti con l’età si diventi più maturi e si sviluppi la capacità di fregarsene del giudizio altrui.

Forse è arrivato il mio momento.

 

Anche ora, nel silenzio della casa, alla sola luce di una candela, ho davanti una tazza di una di quelle tisane che tanto mi piacciono perché, per ogni bustina, trovi una frase che ti può regalare un messaggio prezioso verso una maggiore apertura e comprensione del Tutto, dell’Amore.

E guarda caso questa sera la mia frase è:

“In life, don’t create just an impression, create a trust.”

 

Basta creare un’impressione o un’idea di sé. Basta mostrare solo quello che va sempre bene.

Perché a volte mi stanco anche io delle difficoltà della vita, mi stanco di ascoltare o di leggere frasi e commenti che mi annoiano e che mi mostrano animi in cerca di amore e di attenzioni, animi che non si ascoltano più e che cercano in quel mondo virtuale altri amici virtuali che diano loro approvazione e sostegno.

 

È successo anche a me, lo ammetto.

 

Ma chi è poi davvero presente nella mia vita? Di certo non sono quei tasti frettolosamente premuti sulla tastiera, mentre si é in coda al supermercato o dentro un autobus a darmi il sostegno,l’affetto vero e l’incoraggiamento che solo un abbraccio o una pacca sulla spalla possono davvero donare.

 

In questo momento della nostra evoluzione ci hanno dato gli strumenti e la possibilità di crearci una realtà virtuale, un mondo in cui possiamo decidere di apparire come ci piacerebbe essere davvero: in forma, belli, interessanti, colti, truccati,vestiti bene e magari sensibili verso le problematiche sociali più importanti.

 

Ma nella vita reale, cosa resta di questa realtà virtuale?

Chi, nel suo quotidiano, fa davvero qualcosa di REALE e CONCRETO?

Chi è in grado di prendere tutto, mollarlo e andare ad abbracciare una persona che è triste o ha bisogno di incoraggiamento?

Chi davvero riesce a trovare uno spazio per trovare un amico che ha voglia di vederti davvero senza dover inventare scuse come “non ho tempo”?!

Chi si batte davvero per fare la sua parte nel proteggere il mondo in cui viviamo ogni giorno?

 

Ho compreso, in settimane di silenzio mediatico, che è ora che io mostri anche malinconia e tristezza, che riesca a trovare il coraggio di mostrare tutto di me, anche i lati più oscuri e difficili da vivere, anche per me stessa.

 

Perchè Io oggi scelgo la Verità e la trasparenza.

La mia Onestà dell’Essere.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *